Fai crescere il tuo business online.

6 migliori pratiche per la gestione della tua lista e-mail

Mantieni pulito

Durante questi anni di crescita e cambiamento, una cosa è rimasta costante: il tuo marchio deve inviare i suoi contenuti e-mail alle persone giuste.

Se la tua mailing list è piena di abbonati non pertinenti, non vedrai i risultati di marketing che desideri. Come si identificano i migliori abbonati negli elenchi con migliaia di indirizzi?

Gestendo la tua lista e-mail. E ti mostreremo come è stato fatto.

Correlati: guida per principianti all’avvio di un elenco email

6 migliori pratiche per la gestione della tua lista e-mail

Che il tuo marketing via e-mail raggiunga poche decine di persone o qualche milione, puoi avere una base di abbonati chiara e curata che è interessata ai tuoi contenuti. Di seguito sono riportati i passaggi per la gestione della tua lista e-mail, di cui parleremo in maggior dettaglio in tutto l’articolo.

  1. Cerca il tuo pubblico desiderato
  2. Concentrati sul contenuto di qualità sul numero di eblasti
  3. Cerca opzioni di segmentazione avanzate
  4. Consenti al pubblico di autogestire le proprie preferenze email
  5. Non sudare per le cancellazioni via email
  6. Rimuovere periodicamente gli abbonati disimpegnati

Iniziamo!

1. Ricerca il pubblico desiderato

La ricerca del pubblico è al centro di qualsiasi campagna di email marketing. Alcune aziende lo fanno attraverso pratiche di alto livello per creare una guida di stile per il contenuto della posta elettronica, mentre altre aziende conducono ore di ricerca per creare segmenti di pubblico dettagliati che consentano una migliore segmentazione, automazione, email attivate e targeting per iper-nicchia.

L’opzione migliore per la ricerca è proprio ciò che il tuo marchio è in grado di gestire.

Durante il progetto di ricerca del pubblico, ci sono diverse caratteristiche che puoi identificare. Ciò determinerà il tipo di contenuto a cui il tuo pubblico è interessato e come desidera consumare tali informazioni.

Alcune di queste intuizioni demografiche includono:

  • Orari di apertura principali della posta elettronica e numero di volte in cui gli utenti controllano la posta elettronica ogni giorno
  • Email galateo o aspettative basate sulla cultura o sul trucco demografico
  • Prodotti o servizi a cui i tuoi clienti sono interessati
  • Posizione del cliente all’interno della canalizzazione di vendita
  • Clienti potenziali o fedeli
  • Come il pubblico ha sentito parlare per la prima volta del tuo marchio

Alcune ricerche si concentreranno su funzionalità statiche, mentre altre saranno più dinamiche in base all’utente o ai tuoi sforzi di marketing.

Ad esempio, mentre 75% dei consumatori affermano che è più probabile che controllino i loro messaggi e-mail sul proprio smartphone, come fanno il 55% dei consumatori di età superiore ai 56 anni, preferendo invece utilizzare un desktop o un tablet.

Se stai prendendo di mira un pubblico più anziano, i tuoi messaggi di posta elettronica dovrebbero essere progettati per soddisfare queste esigenze: dovrebbero essere incentrati sul desktop, con un’opzione e-mail che fa appello agli utenti più anziani. Questo è un demografico statico.

Da lì, puoi aggiungere informazioni sui tuoi clienti in base al loro comportamento. La stessa azienda rivolta ai clienti più anziani potrebbe costruire la propria lista di email in una fiera della salute della comunità. Le e-mail dei clienti che raccoglieranno saranno i migliori canali di canalizzazione, i nuovi clienti interessati a contenuti incentrati sulla salute.

Queste sono caratteristiche dinamiche che cambieranno nel tempo con il pubblico man mano che interagiscono maggiormente con il tuo marchio.

Una volta completata questa ricerca, puoi assicurarti che i tuoi messaggi siano ricollegati alle esigenze del tuo pubblico. Hai le persone giuste, ora devi iniziare a gestire la tua lista e-mail per presentare il messaggio giusto.

2. Concentrati sulla qualità dei contenuti rispetto alla quantità di email

Gestire la tua lista e-mail Donna che legge un libroFoto: Fabiola Peñalba su Unsplash

Se desideri che un pubblico coinvolto si apra, legga e faccia clic sui tuoi contenuti e-mail, devi creare i contenuti che le persone vogliono leggere.

Un modo per farlo è quello di concentrarsi sulla qualità dei tuoi contenuti, piuttosto che sul numero di email che invii.

Molti marchi hanno scoperto che migliorando il contenuto delle loro e-mail, possono trasmettere le stesse informazioni mentre inviano meno messaggi. Di conseguenza, questi messaggi hanno più valore per i clienti che apprezzano le informazioni e si sintonizzano di più.

Mentre gestisci la tua lista email, ecco alcuni modi in cui puoi ridurre la quantità che invii:

  • Cerca informazioni che possono essere condensate in un messaggio
  • Sviluppa una campagna e-mail in stile newsletter in cui sono incluse più storie
  • Identifica i messaggi e-mail a basso rendimento e metti in pausa quelle campagne
  • Invia meno avvisi e aggiornamenti che ribadiscono un messaggio precedente

Puoi anche testare le tariffe di invio e-mail (dove un gruppo riceve meno e-mail) e confrontare i risultati del test. Ciò ti consente di vedere di persona in che modo i tuoi clienti rispondono al cambiamento nella frequenza delle e-mail e determinare la migliore linea di condotta per andare avanti.

3. Cerca opzioni di segmentazione avanzate

All’inizio dell’email marketing, i marchi dovevano segmentare il pubblico. Hanno dovuto sviluppare segmenti specifici e determinare quando inviare e-mail ai clienti. Tuttavia, poiché la tecnologia migliora, così anche le opzioni del nostro marchio.

Altri provider di posta elettronica offrono strumenti di segmentazione che sfruttano l’apprendimento automatico.

Quando un cliente non visita il sito Web da alcuni mesi, verrà automaticamente attivata un’e-mail per riportarli indietro.

Questa segmentazione ha fatto miracoli per i marchi di eCommerce che possono offrire un coupon convincente nelle loro promozioni e-mail.

La segmentazione basata su AI consente inoltre di attivare e-mail in base al comportamento.

Le notifiche e-mail verranno inviate ai clienti che abbandonano i carrelli, hanno bisogno di riempire i loro articoli o che desiderano ottenere un buon affare con una variazione di prezzo.

La parte migliore è che questi trigger e-mail pagano.

Alcuni esperti di marketing hanno scoperto che le e-mail del carrello abbandonate possono avere un Percentuale di clic del 21% e un tasso di conversione del 50% per coloro che hanno fatto clic.

Questi cambiamenti di segmentazione si verificano in base a comportamenti e cambiamenti ogni giorno, se non ogni ora. Non c’è modo per un essere umano di tenere il passo.

Tuttavia, con questi strumenti, un marketer della posta elettronica può concentrarsi maggiormente sulla strategia e meno sullo spostamento dei clienti in diversi segmenti di segmentazione.

La parte migliore è che molte di queste opzioni basate sull’apprendimento automatico sono integrate negli strumenti di posta elettronica esistenti o sono componenti aggiuntivi convenienti. Ciò significa che anche le piccole e medie imprese e le società con budget di marketing limitati possono investire nella segmentazione intelligente e guardare i loro sforzi di marketing via email migliorando.

Nota dell’editore: AzHost Email Marketing svolge attività di routine per te, come e-mail di reimpostazione della password, sconti per i compleanni e altro, in modo che tu possa concentrarti sulla tua attività.

4. Consenti al pubblico di autogestire le proprie preferenze e-mail

Mentre ci sono molti strumenti di intelligenza artificiale che regoleranno le preferenze e-mail dei clienti in base al loro comportamento, puoi anche impostare un sistema in cui il tuo pubblico decida quali contenuti vogliono ricevere e quando.

La creazione di un sistema di gestione delle preferenze e-mail rivolto al cliente sta diventando un’opzione sempre più popolare per i marchi che vogliono mantenere abbonati ma non sono sicuri di come regolare la loro frequenza.

Con questo sistema di preferenze e-mail, la gestione dell’elenco e-mail è più semplice poiché i clienti possono regolare le proprie preferenze tramite un collegamento aggiunto al proprio corpo e-mail. Possono scegliere di ricevere meno e-mail (come aggiornamenti settimanali anziché newsletter giornaliere) o modificare il contenuto per concentrarsi su argomenti specifici.

Inoltre, il tuo marchio può esaminare il tipo di contenuto che i tuoi clienti scelgono e regolare le tue tariffe e-mail in modo appropriato. Potresti scoprire che più persone preferiscono gli aggiornamenti settimanali, il che significa che non dovresti inviare una newsletter giornaliera se non fosse necessaria.

5. Non sudare per le cancellazioni via email

Gestire la tua lista e-mail Faccia di copertura preoccupata

Se gestisci la tua lista email con tutte le pratiche menzionate finora, non dovresti preoccuparti della tua percentuale di annullamento dell’iscrizione.

Una notifica di annullamento dell’iscrizione via email indica che in quel momento qualcuno non aveva bisogno di ascoltare il tuo messaggio. Significa anche che probabilmente non si sarebbero convertiti.

Smetti di trattarlo come se avessi perso un cliente stimato.

Con l’email marketing, perderai sempre i membri del pubblico a causa dell’annullamento dell’iscrizione, ma ciò non significa che i tuoi sforzi di marketing siano meno salutari o che le tue entrate future siano a rischio.

Detto questo, dovresti tenere traccia del tuo tasso di annullamento dell’iscrizione nel tempo.

Assicurati che questo numero rimanga coerente o scenda. Devi solo farti prendere dal panico se c’è un picco drammatico nella tua frequenza di disiscrizione che non hai pianificato.

Infine, ricorda che l’email marketing non è il tuo unico canale di comunicazione. Se sei preoccupato che i potenziali clienti non seguano gli aggiornamenti della tua attività, tieni presente che ci sono più piattaforme di social media là fuori che probabilmente seguiranno. Potrebbero semplicemente voler connettersi con il tuo marchio in quel modo.

Correlati: far funzionare insieme i social media e l’email marketing

6. Elimina abbonati disimpegnati

Per molti rivenditori di e-mail, la dimensione della loro lista di e-mail è un punto di orgoglio. Più grande è l’elenco, più persone pensano che compreranno i loro prodotti.

In realtà, un ampio elenco potrebbe effettivamente danneggiare il tuo marchio e abbassare i tassi di entrate, indipendentemente da quante persone si iscrivono.

Il concetto di graymail viene utilizzato per descrivere le e-mail che non sono necessariamente spam, ma non sono nemmeno le e-mail che si desidera ricevere.

Se ritieni che queste e-mail siano innocue, ripensaci.

Quando i clienti iniziano a ignorare la tua e-mail, è più probabile che ignorino i messaggi importanti in futuro.

Inoltre, i provider di posta elettronica come Gmail e Outlook osservano il comportamento degli utenti mentre interagiscono con le campagne di posta elettronica. Quando le e-mail di un determinato servizio vengono ignorate, i provider di posta elettronica inizieranno a ordinare automaticamente tali e-mail come spazzatura.

Il primo passo da compiere in questo processo è cercare i clienti che non sono interessati al tuo marchio: non fanno clic sui tuoi messaggi di posta elettronica e non lo fanno da diversi mesi. Alcuni provider di posta elettronica offriranno anche un “punteggio di coinvolgimento” in cui è possibile identificare i clienti disimpegnati ed eliminarli.

Una volta eliminata la tua lista, smetti di aggiungere abbonati di bassa qualità.

Invece di avere una politica di opt-in istantanea sul tuo sito web, chiedi ai clienti di iscriversi attivamente e persino confermare la loro iscrizione via e-mail. Il tuo marchio raggiungerà un minor numero di persone, ma il tuo tasso di conversione non sarà influenzato e potrebbe effettivamente migliorare.

Mantieni la tua mailing list organizzata come a casa tua

La gestione della tua lista e-mail può diventare un progetto se la tua azienda raccoglie indirizzi e-mail da diversi anni senza mantenerne la qualità o organizzarli. Tuttavia, dovresti essere lasciato con un sano elenco di clienti e un piano strategico per raggiungerli.

È importante notare che la gestione della tua lista e-mail richiede una regolare manutenzione una volta che hai messo in atto un sistema organizzato.

In molti modi, è proprio come a casa tua. Non puoi lavare i tuoi piatti una sola volta: dovrai lavarli di nuovo la prossima volta che mangi. Con l’e-mail, potresti essere in grado di impostare alcune best practice per mantenere la qualità degli abbonati, ma vorrai condurre regolari “controlli di integrità” per evitare che il tuo elenco cresca di nuovo fuori mano.

In sostanza, tratta la tua mailing list come una casa che Marie Kondo sarebbe orgoglioso di. Mantieni gli abbonati che ti danno gioia e butta via tutto ciò che crea un pasticcio e ti impedisce di avere una visione chiara della tua strategia di marketing.

CERTIFICATI SSL

SSL
Rendi il tuo sito più sicuro con il certificato SSL

SICUREZZA WEB

Sicurezza Sito Web
Mantieni il tuo sito privo di malware e i tuoi visitatori al sicuro.