Fai crescere il tuo business online.

Come velocizzare WordPress

Ottimizza per la velocità

Correlati: Come usare WordPress con cPanel

Come velocizzare WordPress – Una guida rapida

Ecco cosa tratteremo in questo post:

  • Perché la velocità del sito Web è importante.
  • Quanto velocemente dovrebbe caricare il mio sito WordPress?
  • Come verificare il caricamento del sito WordPress corrente?
  • Cosa rallenta WordPress?
  • Per velocizzare WordPress, inizia con il server.
    • Ottieni hosting di qualità.
    • Abilita GZIP.
    • Aggiungi scade le intestazioni.
    • Configura ETags.
    • Controlla la versione di PHP.
  • Ottimizza la tua installazione di WordPress per la velocità.
    • Riduci al minimo i plug-in e rimuovi i temi non utilizzati.
    • Usa un tema veloce.
    • Aggiungi la cache della pagina.
    • Crunch immagini e pigro caricarle.
    • Minimizza JS e CSS.
    • Ottimizza le tue tabelle del database MySQL.
    • Considera CDN.
    • Monitorare le prestazioni straordinarie.
  • Fare un piano d’azione.

Iniziamo!

Perché la velocità del sito Web è importante

I navigatori del web sono molto impazienti. Le pagine con un tempo di caricamento più lungo tendono ad avere frequenze di rimbalzo più elevate, il che significa che le persone rimbalzano su un altro sito piuttosto che interagire con il tuo.

Quanto tempo prima che lo facciano?

studi suggerisce solo 5 secondi per avviare la frequenza di rimbalzo fino al 38%.

Si noti che alcuni rimbalzi non sono necessariamente dovuti alla velocità di caricamento della pagina poiché alcuni utenti premono il pulsante successivo non appena un secondo dopo l’arrivo su un sito.

Anche molto importante: Google ama i siti più veloci. Potresti ottenere un ulteriore aumento delle classifiche semplicemente accelerando il tuo sito WordPress.

Correlati: Guida SEO per principianti: ottimizzazione dei motori di ricerca per siti Web di piccole imprese

Torna in cima

Quanto velocemente dovrebbe caricare il mio sito WordPress?

Il Santo Graal è di 2 secondi. Tuttavia, molti siti WordPress non riescono a raggiungere questo obiettivo elevato. È stato impostato anni fa prima che le pagine diventassero più grandi e più orientate graficamente. Quindi mira a questo, ma non essere schiacciato se non ci arrivi.

Torna in cima

Come verificare la velocità del tuo sito WordPress attuale

Per prima cosa: capire dove si trova il tuo sito in questo momento. Scegli uno dei fantastici strumenti di seguito, incolla l’URL del tuo sito e premi Vai.

Preparati a essere un po ‘inondato di informazioni. Alcuni dei bit chiave su cui concentrarsi includono: Punteggio complessivo del sito, tempo di caricamento e tutto ciò che è elencato in “Migliora le prestazioni della pagina”.

Le schermate seguenti mostrano i dati chiave riportati da tre dei più popolari strumenti di test della velocità. Nota che forniscono anche suggerimenti su come velocizzare un sito WordPress:

Pingdom

Pagina dei risultati delle velocità di caricamento di Pingdom

GTmetrix

Velocizza WordPress GTmetrix

PageSpeed ​​Insights di Google

Pannello di Google Page Speed ​​Insights

Noterai che danno risultati leggermente diversi. Ciò può essere dovuto a ciò che stanno controllando, a quale server stanno controllando (pensa Nord America vs Giappone) e ad altri fattori. Per monitorare con precisione i tuoi progressi, scegline uno e mantienilo. Se ti viene data la possibilità di scegliere tra località “Test da”, scegline una che rappresenti la posizione della maggior parte dei tuoi utenti e segui anche quella.

Torna in cima

Cosa rallenta WordPress?

Prima di iniziare a modificare, dovresti conoscere i criminali più comuni che rallentano WordPress. WordPress offre molte funzioni preziose, ma la velocità può essere ostacolata da questa generosità.

I fattori che possono frenare le prestazioni includono:

  • Ambiente di hosting scadente
  • Configurazione del server Web
  • Configurazione di WordPress
  • Immagini grandi
  • Plugin scarsamente codificati
  • Script esterni
  • Latenza di rete – ovvero quanto tempo impiega il contenuto a viaggiare dal server al browser.

La buona notizia è che hai il controllo su tutte queste cose, almeno in una certa misura.

Torna in cima

Per velocizzare WordPress, inizia con il server

I miglioramenti della velocità possono provenire da due punti: il server e la sua configurazione o WordPress e la sua ottimizzazione. Poiché il server può avere un impatto notevole, è il punto di partenza ideale.

Ottieni hosting di qualità

La qualità dell’hosting è uno dei fattori più importanti. Puoi solo modificare i limiti del tuo server, che possono essere influenzati da molti fattori: tipo e velocità di connessione allocati in memoria, quanti siti si trovano sullo stesso server e altri fattori.

Alcuni host web sono ora disponibili per gli utenti di WordPress. Ciò include AzHost, che offre hosting WordPress gestito specializzato che è configurato per le prestazioni e una maggiore sicurezza fin dall’inizio.

Correlati: Come scegliere il miglior piano di hosting WordPress

Torna in cima

Abilita GZIP

Ora entreremo in alcune cose geek. GZIP è un algoritmo utilizzato per la compressione e la decompressione dei file.

Abilitando questo, il tuo server può inviare versioni compresse più piccole di molti file, che i browser sanno decomprimere. Questo accelera la velocità di trasferimento dei dati.

Per abilitare GZIP, dovrai modificare il tuo file .htaccess. Questo è un file di controllo che si trova nella radice del tuo sito Web WordPress.

Assicurati di fare un backup di questo file prima di modificarlo, perché un piccolo errore di battitura qui può far crollare l’intero sito.

Per configurare GZIP, apri il tuo file .htaccess per la modifica. Cerca la riga che dice #END WordPress. Tutto il codice di questo articolo dovrebbe andare sotto quella riga.

Ecco cosa aggiungere:


# Compress HTML, CSS, JavaScript, Text, XML and fonts
AddOutputFilterByType DEFLATE application/javascript
AddOutputFilterByType DEFLATE application/rss+xml
AddOutputFilterByType DEFLATE application/vnd.ms-fontobject
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-opentype
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-otf
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-truetype
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-ttf
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-javascript
AddOutputFilterByType DEFLATE application/xhtml+xml
AddOutputFilterByType DEFLATE application/xml
AddOutputFilterByType DEFLATE font/opentype
AddOutputFilterByType DEFLATE font/otf
AddOutputFilterByType DEFLATE font/ttf
AddOutputFilterByType DEFLATE image/svg+xml
AddOutputFilterByType DEFLATE image/x-icon
AddOutputFilterByType DEFLATE text/css
AddOutputFilterByType DEFLATE text/html
AddOutputFilterByType DEFLATE text/javascript
AddOutputFilterByType DEFLATE text/plain
AddOutputFilterByType DEFLATE text/xml
# Remove browser bugs (only needed for really old browsers)
BrowserMatch ^Mozilla/4 gzip-only-text/html
BrowserMatch ^Mozilla/4.0[678] no-gzip
BrowserMatch bMSIE !no-gzip !gzip-only-text/html
Header append Vary User-Agent

Salva le modifiche e controlla il tuo sito per assicurarti che tutto funzioni ancora senza intoppi. Allora sei pronto per il passaggio successivo.

Correlati: .htaccess tutorial e cheat sheet

Torna in cima

Aggiungi scade le intestazioni

Le intestazioni scadute indicano a un browser se una risorsa può essere recuperata dalla cache del browser o se deve essere recuperata dal server. Quando imposti le intestazioni di scadenza per determinate risorse, come immagini o file CSS, il browser sa di archiviare tali elementi nella sua cache.

Ancora una volta, la magia si svolge in .htaccess. Sotto il codice che hai aggiunto per GZIP, aggiungi questo codice per impostare le intestazioni di scadenza:


# Enable expirations
ExpiresActive On
# Default directive
ExpiresDefault "access plus 1 month"
# My favicon
ExpiresByType image/x-icon "access plus 1 year"
# Images
ExpiresByType image/gif "access plus 1 month"
ExpiresByType image/png "access plus 1 month"
ExpiresByType image/jpg "access plus 1 month"
ExpiresByType image/jpeg "access plus 1 month"
# CSS
ExpiresByType text/css "access plus 1 month"
# Javascript
ExpiresByType application/javascript "access plus 1 year"

Ancora una volta, salva e rivedi il tuo sito. Quindi abbiamo un altro bit di codice da incollare lì.

Torna in cima

Configura ETags

L’etag, o tag di entità, è correlato alla memorizzazione nella cache degli oggetti. È una delle correzioni di velocità più comunemente riportate necessarie per i siti Web.

Sebbene gli ETag abbiano alcuni vantaggi, come una migliore memorizzazione nella cache e un minore utilizzo della larghezza di banda, possono anche causare una velocità di caricamento più lenta e far sì che lo stesso oggetto finisca nella cache più volte. Quindi un percorso preferito per sbarazzarsi di questo problema su un sito WordPress è semplicemente spegnerli.

Per fare ciò, aggiungi quanto segue al tuo .htaccess.

#Disable Etags

Header unset Etag
Header set Connection keep-alive

FileETag None

Torna in cima

Controlla la versione di PHP

Usa PHP 7 o versioni successive. È significativamente più veloce rispetto ai predecessori e anche più sicuro. Dovresti essere in grado di vedere quale versione di PHP stai eseguendo nel tuo pannello di controllo di hosting. Di solito è possibile modificarlo da lì, ma se si verificano problemi, chiedere assistenza al proprio host.

Torna in cima

Ottimizza la tua installazione di WordPress per la velocità

Prima di iniziare qualsiasi modifica del tuo sito WordPress, in particolare l’ottimizzazione delle prestazioni, è importante disporre di un backup completo dell’installazione di WordPress. Su AzHost, puoi crearne uno manualmente o registrarti per backup giornalieri automatici.

Riduci al minimo i plug-in e rimuovi i temi non utilizzati

Il primo e più semplice passaggio per velocizzare un sito WordPress è disattivare ed eliminare eventuali plugin non necessari.

Da lì, puoi provare a disabilitare selettivamente i plug-in per vedere se uno di essi influisce in modo significativo sulle prestazioni del sito. In tal caso, sostituirlo con uno diverso o contattare lo sviluppatore per supporto.

Potrebbe essere possibile per lo sviluppatore velocizzare un plug-in WordPress se si evidenzia il problema. Elimina temi inutilizzati mentre ci sei. (È una buona idea conservarne uno di riserva in modo da averne uno a cui passare in caso di emergenza.)

Sbarazzarsi di plugin non necessari e temi inutilizzati ti salverà anche da una serie di fastidiosi avvisi di aggiornamento.

Torna in cima

Usa un tema veloce

Alcuni temi sono codificati per sfarzo e glamour, altri sono macchine veloci. Se il tema che stai usando ha un sacco di campane e fischietti, è più probabile che sia più lento. Prova a scambiarti con un tema veloce noto come GeneratePress o WP-Astra.

Torna in cima

Aggiungi la cache della pagina

Ecco un grosso problema: la memorizzazione nella cache delle pagine. Che cos’è?

Magia.

Bene, non esattamente, ma può sembrare così perché è uno dei modi più veloci e facili per aumentare la velocità di carico del sito. Fondamentalmente, la memorizzazione nella cache delle pagine consente a un sito Web di archiviare i dati da utilizzare per rispondere alle richieste di ricerca, che nel caso di WordPress, indica le pagine risultanti da query.

Gli strumenti di memorizzazione nella cache creano file statici per ogni pagina e post. I server li memorizzano per fornire più rapidamente contenuti agli utenti che hanno inserito una ricerca. I file statici si caricano molto più rapidamente rispetto a nuove pagine e post.

Per mettere le mani su questo mojo, installa un plug-in di cache. WordPress consiglia vivamente W3 Total Cache, WP Super Cache e Enabler della cache come scelte migliori. Nota che i siti di hosting WordPress AzHost non hanno bisogno di questo poiché questo servizio ha già una cache ottimizzata.

Correlati: Accelerare WordPress con memcached e W3 Total Cache

Torna in cima

Crunch immagini e pigro caricarle

Tutti amano avere immagini nitide e di alta qualità sul proprio sito Web. Le immagini possono far apparire i siti, ma possono anche rallentare i siti.

Molti utenti di WordPress non sono consapevoli di poter avere immagini ad alta risoluzione a dimensioni ridotte. Usa il plugin gratuito Smush per comprimere automagicamente le immagini senza ridurre la qualità.

Smush fornisce un altro potere magico: caricamento lento.

Che cos’è il caricamento lento? Caricamento lento significa semplicemente non caricare risorse sulla tua pagina fino a quando l’utente non ne ha bisogno.

Ad esempio, supponiamo che tu abbia una home page in stile landing page, con molte immagini e persino un video o due su una pagina lunga. L’utente non vede le immagini e i video sotto la piega quando la pagina viene caricata per la prima volta, quindi con il caricamento lento, tali risorse non vengono effettivamente caricate immediatamente.

Invece, vengono utilizzati i segnaposto e le immagini e i video vengono caricati solo quando l’utente scorre verso il basso e sono effettivamente necessari. Caricando meno risorse nella richiesta iniziale, la pagina si carica molto più rapidamente.

Se vuoi ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo per il tuo tempo di caricamento, tuttavia, non caricare contenuti di testo in modo pigro.

Il testo è veloce da visualizzare e critico per le tue classifiche SEO. Il caricamento lento dei tuoi contenuti potrebbe potenzialmente costarti il ​​tuo posizionamento e non ti fa risparmiare molto in termini di tempo di caricamento.

Grafica, foto e video sono una scelta molto migliore per il caricamento lento. Finché hai correttamente imposta il titolo e i tag alt (cosa che dovresti fare comunque!), caricare la grafica, le foto o i video più avanti nella sessione non dovrebbe avere un effetto negativo sui tuoi sforzi SEO.

Dal momento che queste risorse impiegano molto più tempo a caricarsi rispetto alle loro controparti testuali, ottieni il massimo vantaggio dal caricamento lento di elementi di risorse di immagini e video invece di elementi di testo.

Il caricamento lento potrebbe essere abilitato per impostazione predefinita quando installi Smush, ma è meglio ricontrollare.

Schermata di Smush Dashboard

Torna in cima

Minimizza JS e CSS (con attenzione)

Per ridurre le dimensioni del codice; usa un plugin come Velocità ridotta minimizza. Questo e plug-in simili comprimono i tuoi file CSS, consentendo loro di caricarsi più velocemente.

Possono anche comprimere i file JavaScript e combinare più file in pochi. Questa combinazione aiuterà a sbarazzarsi dell’avvertenza “Troppe richieste HTTP” fornita dalla maggior parte dei controlli di velocità della pagina.

Stai attento, però.

Di solito è sicuro minimizzare i CSS, quindi inizia con quello.

La minimizzazione di JavaScript a volte può causare il malfunzionamento delle funzionalità del sito, quindi dovrai testare varie impostazioni di minificazione e combinazione fino a trovare ciò che funziona meglio per il tuo sito.

Puoi anche rinviare il caricamento di determinate risorse, come JavaScript, spostandole a piè di pagina. Questa è un’altra cosa da affrontare con cautela in quanto potrebbe influire sul funzionamento della pagina.

Torna in cima

Ottimizza le tue tabelle del database MySQL

Poiché WordPress è basato su database, mantenere un database pulito è fondamentale per mantenere il tuo sito privo di errori e gonfiamento del sito.

Usando il Ottimizzazione WP il plug-in aiuterà a rimuovere gran parte della creazione del database con pochi clic. Funzionerà su base automatizzata per eseguire una moltitudine di funzioni di pulizia.

Oltre all’ottimizzazione del database di WordPress, è possibile pianificare il plug-in per ripulire automaticamente i contenuti residui come bozze automatiche post, commenti non approvati / eliminati, pingback e opzioni temporanee. Questo plug-in può effettivamente eseguire alcune delle attività menzionate in precedenza, come la memorizzazione nella cache e la minimizzazione delle pagine, nonché la pulizia del database di WordPress.

Se non desideri installare un plug-in, abbiamo un articolo che ti guida attraverso il processo manuale di pulizia del database di WordPress Qui.

Torna in cima

Prendi in considerazione una CDN

CDN è l’abbreviazione di rete di consegna dei contenuti. È un servizio a cui puoi iscriverti completamente separato dal tuo sito WordPress ma che funziona in combinazione con esso.

Una CDN è costituita da una rete di server sparsi in tutto il mondo. I server ospitano e distribuiscono copie del contenuto statico, come CSS, JavaScript e immagini. Il contenuto viene quindi consegnato senza soluzione di continuità dal server più vicino al visitatore, in modo che arrivi più velocemente.

Per usare un CDN con WordPress devi fare due cose:

  1. Iscriviti con un provider CDN, ad esempio CloudFlare, Amazon CloudFront o Akamai. La fatturazione può essere mensile o in base all’uso dei dati, ma di solito è poco costosa. La maggior parte offre prove gratuite, quindi puoi verificarne diverse.
  2. Utilizzare un plug-in CDN WordPress simile Enabler CD o WP Rocket per integrare la CDN nel tuo sito.

Torna in cima

Monitora le prestazioni nel tempo

Ottimizzare il tuo sito è fantastico. Mantenerti nel tempo è ancora meglio. Invece di eseguire costantemente gli URL tramite i controlli di velocità, puoi utilizzare uno strumento di monitoraggio delle prestazioni per tenere d’occhio le cose per te. Se si verifica un rallentamento, riceverai un avviso tempestivo.

GTMetrix monitorerà la velocità del tuo sito gratuitamente. Esegui semplicemente la tua pagina tramite lo strumento di test della velocità della pagina GTMetrix.

Nel rapporto sui risultati, sul lato destro dello schermo, c’è un pulsante che dice “Monitor” e un altro che dice “Avvisi”. Fare clic su questi per impostare controlli di velocità e avvisi regolari per la pagina appena controllata.

Dovrai registrarti come utente registrato, ma riceverai in cambio una generosità di grafici e rapporti, oltre a un po ‘di tranquillità. Ripeti questo processo per le pagine chiave del tuo sito.

ManageWP è un’altra opzione. Uno dei tanti servizi che offre è Verifica delle prestazioni, che eseguirà la scansione del tuo sito e creerà un rapporto.

Sfortunatamente, la versione gratuita richiede di eseguire manualmente la scansione. Se desideri controlli automatici, dovrai guadagnare $ 1 al mese. ManageWP offre molte funzionalità aggiuntive per la gestione di vari aspetti di un sito WordPress.

Torna in cima

Fare un piano d’azione

Sono molti i passaggi! Ma non stressarti: non devi farli tutti in una volta. Mentre ci sono alcune modifiche che puoi applicare per radere millisecondi qua e là, qui ci sono quattro cose che puoi implementare per accelerare il tuo sito in questo momento.

Questi passaggi applicati a un semplice sito di test hanno aumentato il punteggio della velocità di caricamento di Pingdom da C (80) ad A (96) e hanno ridotto il tempo di caricamento a meno di due secondi:

  1. Abilita GZIP, aggiungi le intestazioni Scadenza e configura ETag aggiungendo il codice sopra elencato al file .htaccess di root del tuo sito. Assicurati di eseguire prima il backup del file, nel caso in cui qualcosa vada storto. Questo codice va sotto la riga che dice #END WordPress.
  2. Installare Smush e abilitare il caricamento lento delle immagini. Usa la compressione in blocco per comprimere le immagini esistenti.
  3. Installa e attiva un plug-in di minificatore come Velocità ridotta minimizza. Attenersi alle impostazioni predefinite.
  4. Installare Enabler della cache o un plug-in di cache simile. Le impostazioni predefinite sono generalmente utili così come sono.

Ecco il rapporto Pingdom prima:

Accelerare il rapporto Pingdom di WordPress

E dopo:

Pingdom mostra prestazioni della pagina migliorate

Il sito di test era piuttosto piccolo e semplice, quindi un sito più complesso trarrebbe probabilmente maggiori benefici da questi passaggi, sebbene ottenerlo in due secondi potrebbe essere più duro.

Se desideri ottimizzare ulteriormente, completa il resto degli articoli in questo articolo. In pochissimo tempo avrai uno dei siti di caricamento più veloci sul Web. Caricamento rapido della pagina = visitatori più felici = una vittoria per loro e per te.

Se sei stanco di gestire da solo tutti gli aspetti tecnici di WordPress, prova WordPress Hosting da AzHost. È la soluzione perfetta per chiunque desideri la potenza e la semplicità di WordPress senza il fastidio di aggiornamenti costanti e aggiustamenti tecnici.

CERTIFICATI SSL

SSL
Rendi il tuo sito più sicuro con il certificato SSL

SICUREZZA WEB

Sicurezza Sito Web
Mantieni il tuo sito privo di malware e i tuoi visitatori al sicuro.